Come aumentare il segnale Wi-Fi in casa

Cos’è e come funziona il Wi-Fi

In casa, tutti possediamo una rete Wi-Fi in grado di connettere tutti i dispositivi elettronici a Internet senza l’ausilio di fili o cavi. Computer, smartphone, tablet e smart-tv, sono infatti collegati alla rete Internet attraverso il Wireless, ovvero il Wi-Fi. Oltre a una questione di comodità, la connessione Wi-Fi è molto potente ed è in grado di espandere il segnale sfruttando le onde radio. Queste onde provengono da un dispositivo chiamato router o modem. La rete Wi-Fi può essere sfruttata non solo per collegare i dispositivi a internet ma anche per collegarli tra di loro.

Questa cosa oggi appare scontata, eppure fino a pochi anni fa la connessione senza fili non era presente dappertutto e sicuramente non in tutte le case, gli uffici e i luoghi pubblici. La nascita di questa tecnologia risale agli anni ’80 quando la Federal Communications Commission decise di voler rendere libere le frequenze senza l’obbligo della licenza. Wi-Fi è l’acronimo che sta per Wireless Fidelity e il nome non ha un significato specifico, è stato creato solo come slogan orecchiabile.

Esistono degli standard tecnologici sui quali i produttori si basano per creare le reti wireless e sono le cosiddette certificazioni dello IEEE o classi identificate dal numero 802.11 e da una lettera dell’alfabeto. Ad esempio, la certificazione 802.11g lavora sulla banda di frequenza 2,4 GHz che copre 100 metri e permette la trasmissione dati alla velocità di 54 Mbps. È conosciuta più semplicemente con il nome di Wi.Fi 3. Le successive versioni dello standard sono le seguenti:

  • Wi-Fi 4 (802.11n): 2,4/5 GHz – 600 Mbps;
  • Wi-Fi 5 (802.11ac): 5 GHz – 1,3 Gigabit/s;
  • Wi-Fi 6 (802.11ax): 1- 7 GHz – fino a 11 Gigabit/s.

Una delle caratteristiche tecniche che le compagnie si impegnano a migliorare è la copertura del segnale, cioè la distanza massima che il segnale possa coprire.

Cosa limita il segnale Wi-Fi

Molti router non riescono a coprire con il segnale l’intera abitazione, soprattutto se questa si sviluppa su più piani. Anche delle pareti molto spesse tra le stanze possono contribuire a limitare il segnale del Wi-Fi così come a rallentare il flusso di segnale potrebbero essere i troppi dispositivi collegati e l’interferenza con una rete wireless vicina. In alcuni casi, a contribuire alla limitazione del segnale Wi-Fi c’è la compagnia telefonica che fornisce internet che hanno DNS lenti e poco stabili (se ti può interessare abbiamo scritto un’utile guida su come cambiare i DNS su Windows 10! Dagli un’occhiata). I fornitori di rete internet utilizzano dei server DNS che vanno spesso offline. Ma è infine importante ricordare che un buon cavo Ethernet e una buona scheda di rete del PC, possono fare la differenza.

Possibili soluzioni per aumentare il segnale Wi-Fi in casa

Prima ancora di rivolgersi a un esperto si possono testare autonomamente alcuni metodi per aumentare il segnale del Wi-Fi in casa. La posizione del router, come abbiamo detto, è un fattore determinante che molti sottovalutano. È necessario eliminare gli ostacoli fisici tra il router e il PC. È possibile provare a posizionare il router su un rialzo e lontano da elettrodomestici. È possibile controllare la dual-band del router assicurandosi che sia al suo massimo, ossia 5 GHz. Se il router non è dual-band è possibile che il problema sia un’interferenza, in questo caso è necessario cambiare il canale del router e fare in modo che ne utilizzi uno meno sfruttato: per farlo si dovrà effettuare l’accesso al pannello di controllo del router digitando 192.168.1.1 ed entrando nel pannello. Qui si troverà la dicitura “canale wireless” e si potrà sceglierne uno nuovo. Il router va cambiato circa ogni tre anni, e spento per 30 secondi almeno una volta al mese. Inoltre, scollegare i dispositivi che non sono in uso, aiuta ad aumentare il segnale. L’alternativa migliore resta sempre quella di optare per l’acquisto di un ripetitore Wi-Fi.

Cosa sono i ripetitori Wi-Fi

I ripetitori sono dei dispositivi che amplificano il segnale del Wi-Fi già presente in casa. Hanno l’aspetto di piccoli adattatori da inserire nella presa e ce ne sono diversi in commercio. Si chiamano anche range extender e la loro installazione è molto facile, basterà fare in modo che il ripetitore sia in una posizione in cui intercetta il segnale Wi-Fi già esistente. Ne esistono anche di resistenti alle intemperie se si vuole estendere il segnale all’esterno. Vediamo quali sono i migliori ripetitori Wi-Fi per aumentare il segnale.

Migliori ripetitori Wi-Fi

Netgear EX7000 – Il miglior ripetitore Wi-Fi

Altamente professionale e sicuro, adatto a uffici e luoghi di lavoro che necessitano della massima efficienza di rete.

  • Aumenta la copertura del segnale Wi-Fi fino a 130 mq in Smart Connect, collega fino a 25 dispositivi contemporaneamente.
  • Utilizza lo stesso nome della rete già esistente e la mantiene stabile per ogni stanza.
  • Il ripetitore Netgear Wi-Fi AC1900 permette di navigare a 1900 Mbps di velocità wireless dual band e incorpora la tecnologia FastLane adatti a gaming e streaming di alto livello.
  • Installazione facile e veloce.
  • Fino a cinque porte Ethernet.

[amazon box=”B00TEXWQXS” template=”table”]


AVM FRITZ! 2400 – Il migliore ripetitore per qualità e prezzo

Economico e di qualità, è particolarmente adatto ad abitazioni con più piani che necessitano di copertura ottimale e a famiglie numerose.

  • Tecnologia Dual-Band con gli standard AC+N, connessione stabile, massima larghezza banda.
  • Selezione automatica della banda migliore e più efficiente.
  • Rete Mesh dove i diversi punti di accesso alla rete vengono combinati in un’unica rete Wi-Fi intelligente.
  • Porta per il cavo Ethernet per collegare il PC fisso o altro.
  • Presa italiana che non ha bisogno di adattatore.

[amazon box=”B083VM9J62″ template=”table”]


AVM FRITZ! Repeater 1200 International – Consigliato per tutti gli usi

Questo estensore del segnale è pratico e utile. Compatibile con tutti i router in commercio e facile da installare. È adatto anche a usi intensi e da diversi dispositivi. Il repeater è di piccole dimensioni e quadrato e non sporge eccessivamente dalla presa, per questo motivo è poco invasivo e molto utile.

  • Velocità 866 Mbit/s sulla banda 5 GHz e 400 Mbit/s 2,4 GHz
  • Compatibilità completa con tutti i router
  • Modalità Eco per il risparmio energetico
  • Alto livello di sicurezza e protezione dati.

[amazon box=”B07ZQLRTTP” template=”table”]


TP-Link TL-WA850RE – La soluzione più economica

Per chi volesse optare per una soluzione economica mantenendo delle buone prestazioni, è consigliato il TP-Link. È compatibile con tutti i router e illumina i punti non raggiunti dal Wi-Fi.

  • Velocità di trasmissione fino a 300 Mbps con frequenza 2,4 GHz.
  • Un solo tasto WPS per accensione e installazione.
  • LED indicatore della qualità del segnale. Aiuta a capire dove posizionare il ripetitore.
  • Portabilità del ripetitore, in grado di passare da un Wi-Fi ad un altro.
  • Dotato di una porta Ethernet
  • Gestione tramite App Tether

[amazon box=”B00A0VCJPI” template=”table”]

Aggiungi un commento